ACI: “Insieme per contrastare in modo deciso il dumping contrattuale”

Inserito il aprile 5, 2011 at 08:39

Categorie: Legacoop Abitanti, Legacoop Agroalimentare, Legacoop Servizi, Legacoop Sociali, News, Produzione e Lavoro

Roma, 30 marzo 2011 – «Rafforzare ulteriormente la collaborazione per un deciso contrasto del dumping contrattuale salvaguardando le “buone” cooperative dalla concorrenza sleale delle cooperative spurie che lavorano sottocosto e minano la competitività delle imprese che stanno legalmente sul mercato».

È il primo punto discusso nell’incontro che l’Alleanza delle Cooperative Italiane, guidata dal portavoce Luigi Marino (presidente Confcooperative) con i presidenti Rosario Altieri dell’Agci e Giuliano Poletti della Legacoop, ha avuto con il segretario confederale della Cisl Raffaele Bonanni.

«Dobbiamo valorizzare e salvaguardare il valore del lavoro in cooperativa che fornisce occupazione stabile e di qualità. Un valore supportato dai numeri – dice Marino – basti pensare che negli ultimi 10 anni l’occupazione nel movimento cooperativo è cresciuta del 37% e l’87% delle persone sono occupate con contratti a tempo indeterminato».

«Sulla previdenza – continua Marino – occorre una scelta univoca e cooperativa che abbatta gli steccati e porti all’unificazione dei tre fondi preesistenti (Cooperlavoro, Previcooper e Filcoop) in un unico soggetto che diventerebbe il quinto fondo italiano con un totale di oltre 130 mila iscritti e un patrimonio complessivo di oltre 800 milioni di euro».

Ultima, ma non in ordine di importanza,una riflessione che muove dalla vicenda Parmalat, ma resta di carattere più complessivo. «Vanno incoraggiate e sostenute le politiche di crescita dimensionale e di capitalizzazione delle imprese italiane che sono, a prescindere dalla tipologia societaria, mediamente piccole e sottocapitalizzate – conclude Marino – per fronteggiare le sfide sempre più impegnative imposte dall’economia – mondo».