AGROALIMENTARE: UNICOOP TIRRENO INCONTRA LE COOPERATIVE DEL LAZIO

Inserito il marzo 15, 2012 at 09:45

Categorie: Coop, In evidenza, Legacoop Agroalimentare

Lunedì 12 marzo, presso la cooperativa Agricoltura Nuova, alcune tra le  cooperative più importanti del settore agroalimentare aderenti a Legacoop Lazio hanno avuto modo di incontrare dei rappresentanti di Unicoop Tirreno.

L’incontro, organizzato da LegacoopAgroalimentare Lazio e dall’ Associazione cooperative Consumatori Distretto Tirrenico, ha avuto come obiettivo quello di consolidare i rapporti commerciali già in essere e di conoscere nuove cooperative e nuove realtà produttive da poter affiancare a quelle che già collaborano con la cooperazione di consumatori Coop.

Nove le cooperative coinvolte: coop Filagri (ex Cisternino), storica struttura del Settore Lattiero Caseario Laziale, la quale produce tutta la linea di prodotti tipici di una struttura di trasformazione del latte; Agricoltura Nuova, specializzata in produzione biologiche che vanno dagli ortaggi alle carni, dai formaggi ai prodotti da forno alle paste fresche fino alla ricotta e all’ abbacchio romano; Colli Etruschi, struttura molto nota nel settore dell’olivicoltura per i suoi metodi di produzione innovativi e per la qualità e distintività del suo prodotto; Cincinnato, già fornitrice da molti anni di varie referenze, presente soprattutto nella rete Coop del viterbese, la quale sta diventando, grazie ai continui investimenti sulla qualità, una eccellenza della viticultura laziale; Frantoi del Lazio, consorzio costituito da 12 Frantoi Cooperativi, operanti in tutto il Lazio; Alto Viterbese, La Flacca, Agroama, appartenenti tutte al settore ortofrutticolo, già fornitrici di COOP a livello regionale e nazionale; PAN- ZOOTECNICA SALA, unica coop laziale operante nel settore della zootecnia da carne e capofila nel progetto di filiera sulle carni presentato sul PSR, la quale commercializza le carni con il marchio “Puoi Fidarti”.

Per Unicoop Tirreno erano presenti gli specialisti di settore del Lazio e Lilli Di Cristofaro, responsabile dei generi vari, la quale ha espresso molta soddisfazione per aver incontrato nuove aziende che, grazie alla loro produzione di qualità, potrebbe arricchire ulteriormente l’offerta Coop.

Per Legacoop Lazio hanno partecipato all’incontro Giuseppe Codispoti, Presidente di LegacoopAgroalimentare Lazio, Massimo Pelosi, dell’ Associazione cooperative Consumatori Distretto Tirrenico e Sonia Ricci.

“Personalmente ritengo che l’iniziativa possa definirsi storica – ha affermato Massimo Pelosi, dell’ Associazione cooperative Consumatori Distretto Tirrenicoper la prima volta, anziché pianificare e ragionare per astratto, abbiamo iniziato un lavoro concreto di promozione della filiera cooperativa.

Grazie al supporto di LegacoopAgroalimentare Lazio, oggi abbiamo avuto modo di conoscere delle aziende già preparate per entrare nella grande distribuzione con i loro prodotti, i quali rappresentano un’eccellenza nella produzione laziale per innovazione e qualità.

L’incontro è stato una conferma dell’ attenzione di Coop al territorio, ormai ribadita in ogni dove e sostanziata da fatti concreti. Abbiamo intrapreso da tempo il progetto Vicino a noi con cui certifichiamo tutti i fornitori locali di Unicoop Tirreno per ora più di 500 aziende fortemente legate al territorio”.

“Un primo importante appuntamento collettivo – ha sottolineato Giuseppe Codispoti, Presidente di LegacoopAgroalimentare Lazio – fra alcune delle più importanti cooperative agroalimentari del Lazio e la cooperazione di consumo, presente con tutti i suoi uffici commerciali.

Nostro obiettivo continuare questo diretto confronto attraverso degli incontri periodici, che ci portino a migliorare le nostre “offerte”.

Le cooperative coinvolte nell’incontro di oggi sono cresciute in questi ultimi tempi in qualità e livello di servizio tanto da essere in grado di interloquire con la grande distribuzione e di competere sul mercato, a dimostrazione che la strategia di LegacoopAgroalimentare nel Lazio come nel resto del paese è vincente.

L’unica strada possibile oggi è quella che investe nella crescita dimensionale dell’impresa, nell’integrazione di filiera.

La cooperativa è la filiera corta, che racchiude in sé tutte le fasi dalla produzione alla commercializzazione.Più è forte e grande la cooperativa, più forti sono le politiche di filiera”.