Asili nido ‘a rischio’ nel Lazio: il punto in un servizio del TGR

Inserito il novembre 26, 2013 at 20:07

Categorie: News

 

 

Il Tg Rai Lazio ha dedicato un servizio all’evento “Asili nido. Il sistema integrato dei servizi all’infanzia. La rete pubblico privata. Dieci anni di esperienza di Roma Capitale”, organizzato da Legacoop Lazio, Confcooperative, Federlazio, A.G.C.I Lazio, che si è tenuto il 21 novembre alle ore 10.30 alla casa Bonus Pastor di Via Aurelia a Roma.

Agcisolidarietà Lazio e Federlazio hanno espresso la loro forte preoccupazione di fronte alla approvazione della delibera di Giunta regionale che, nell’abrogare le modifiche apportate dalla legge regionale 12/2011 sugli asili nido, relative al rapporto operatore bambini 1 a 7, sancisce la reintroduzione del vecchio rapporto operatore bambini 1 a 6 .

Le Associazioni ritengono di non potere assolutamente accettare tale decisione della Regione Lazio e di contestarne totalmente gli assunti poiché si tratta di decisioni unilaterali prese senza alcuna concertazione, contro le manifestazioni di dissenso già espresse.

Abrogare le modifiche alla legge 12/2011, tornando nel Lazio al precedente rapporto operatore bambini 1 a 6, avrà una portata devastante per i nidi convenzionati, già da tempo sottopagati e oramai giunti sull’orlo del collasso economico e finanziario.

Il rapporto operatore bambini 1 a 7 e anche superiori è già previsto per i nidi, sia pubblici che convenzionati, da legislazioni vigenti in molte altre Regioni italiane dove si registrano importanti tradizioni ed illuminate esperienze di gestione dei servizi nel settore dell’infanzia.

Gli enti gestori di asili convenzionati hanno dato ampia dimostrazione di un forte senso di responsabilità poiché, in un momento di generale Spending review , a fronte della sensibile decurtazione delle tariffe dei nidi di Roma Capitale, hanno potuto mantenere un servizio di altà qualità per le famiglie proprio in virtù delle economie di gestione introdotte dal più favorevole rapporto 1 a 7.

Dove verranno reperite le necessarie coperture economiche da parte della Regione, stante la situazione di forte disavanzo del bilancio regionale e la continua decurtazione dei fondi destinati al finanziamento delle Politiche sociali?

Come sarà possibile rispondere in tale situazione di deficit regionale ai crescenti bisogni delle famiglie ed abbattere le sempre più lunghe liste d’attesa per i posti negli asili nido e nello stesso tempo garantire con tariffe economiche adeguate la qualità dei servizi e la stabilità di migliaia di posti di lavoro del settore dei nidi convenzionati?

Per quanto tempo ancora la rete degli asili nido convenzionati del Lazio sarà in grado di fornire i servizi ai bambini e alle loro famiglie?