COOP 29 GIUGNO E BANCA PROSSIMA INSIEME PER L’EMERGENZA ABITATIVA A ROMA

Inserito il novembre 3, 2014 at 12:24

Categorie: In evidenza
Tags: , , ,

“In questi 30 anni di storia la cooperativa 29 Giugno ha sempre agito nell’interesse comune, perchè riteniamo che il nostro lavoro debba essere volto al miglioramento delle condizioni sociali del mondo intorno a noi. Questo è stato e sarà ancora possibile grazie al sostegno di Banca Prossima, la Banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al non profit.

Speriamo di essere un esempio che molti seguiranno, nella nostra città e nel nostro Paese”. Così, Salvatore Buzzi, presidente della cooperativa 29 Giugno che da 30 anni lavora per il reinserimento socio-lavorativo dei più deboli.

Dal 16 ottobre al 15 novembre 2014, infatti, è attiva sulla piattaforma Terzo Valore di Banca Prossima la raccolta di prestiti per un progetto di housing sociale che consentirà alla Cooperativa 29 Giugno di realizzare nuovi alloggi a Roma per nuclei familiari disagiati.

Terzo Valore è l’innovativa piattaforma web che consente ai cittadini e alle imprese di donare o di prestare denaro a organzizazioni non profit per la realizzazione di progetti sociali.

Chi presta non corre nessun rischio, perchè il suo capitale è garantito da Banca Prossima.

La nostra cooperativa ha deciso di aderirvi seguendo la missione che le è propria ormai da 30 anni: dare una possibilità alle fasce più deboli della società.

Il progetto prevede l’acquisizione di 8 alloggi in zona Case Rosse, a ridosso della Via Tiburtina, e la predisposizione di nuovi alloggi destinati all’accoglienza di 130 nuclei familiari in difficoltà.

La cooperativa 29 Giugno completerà così il piano di zona rimasto incompiuto a causa della crisi economica.

Attraverso il sito www.terzovalore.com sarà possibile per i cittadini sostenere questo progetto prestando il proprio denaro (fino a 10.000 euro per le persone fisiche, 50.000 per le imprese) e scegliendo il tasso d’interesse da zero fino a un massimo del 3%.

Un tassello importante per migliorare le nostre condizioni guardando sempre al bene comune.

(Avviso pubblicato dalla cooperativa 29 giugno su La Repubblica in daa 30 ottobre 2014)