Editoria: Il Parlamento scongiuri la chiusura dell’informazione di idee, cooperativa, non profit e di partito

Inserito il ottobre 28, 2011 at 09:23

Categorie: Legacoop Servizi, News

Roma, 27 ottobre 2011 – Ricostituire il Fondo editoria; introdurre, da subito, norme più rigide e trasparenti legate al numero di dipendenti, alla presenza in edicola e alle vendite, nell’erogazione  delle risorse; destinare i risparmi che si conseguiranno per finanziare l’innovazione digitale e la crescita della domanda di informazione.
Questi i contenuti dell’appello al Parlamento, perché si scongiuri la chiusura dell’informazione di idee, cooperativa, non profit e di partito, lanciato questa mattina a Roma, nel corso di una conferenza stampa, svoltasi al Senato, organizzata da Mediacoop, Federcultura-Confcooperative, FISC, Articolo21,  FNSI, Comitato per la libertà e il diritto all’informazione e alla cultura e allo spettacolo.
Di seguito, la nota diffusa al termine dell’incontro.
“La riduzione del Fondo Editoria fino al suo quasi annullamento, è il risultato di una volontà del  Governo che ha proceduto a progressivi ridimensionamenti più che proporzionali ai tagli esercitati sul resto della spesa pubblica. Si è passati in pochi anni da oltre 600 milioni a poco più dei 100 previsti nella proposta di Legge di stabilità in discussione al Parlamento.
Il Parlamento risulta così privato  della sua prerogativa costituzionale di intervenire a favorire e ad accrescere l’offerta di informazione, prerogativa ridotta a competenza amministrativa. Un’amministrazione che  è chiamata ad assolvere, così, ad un compito che non le può competere e che pensa di gestire su tavoli tecnici, quelle che sono scelte politiche.
Questi tagli, contenuti nella proposta di legge di Stabilità, non sono  una risposta alla crisi, perché chiuse cento testate e aumentata la disoccupazione di altri 4000 tra giornalisti e poligrafici, si spenderà in ammortizzatori sociali più di quanto necessario per garantirne la sopravvivenza, senza contare le perdite per gli enti previdenziali  e le entrate per lo Stato, dall’IVA all’IRAP, che derivano da  un giro di affari  che fattura mezzo miliardo di euro.
Per di più i tagli si abbattono in modo retroattivo sulle imprese, alla fine di un esercizio, a spese effettuate anche sulla base dello stanziamento previsto dalla precedente Legge di stabilità.
Meraviglia la posizione della FIEG che asseconda questo disegno, contro i suoi stessi associati, accampando  una presunta concorrenza sleale di queste testate: come se quello dell’informazione fosse un mercato di un bene qualunque; come se non si sapesse che l’informazione come la cultura  cresce nella molteplicità e nel pluralismo, che se non ci fossero dovrebbero  essere inventati e sostenuti.
È impossibile credere che  la linea di un’organizzazione che dovrebbe fare del pluralismo e della ricchezza dell’offerta informativa la sua missione, in questo caso, sia condizionata da qualche testata che,  pensando di poter acquisire qualche centinaio di copie, non di più perché questo è un mondo di lettori molto profilati per valori e idee, ne distrugge 500.000.
Non ci sono oggi le condizioni per una riforma seria e complessiva del settore che ripetutamente e stata richiesta e dal Governo vanamente promessa, tuttavia si impone oggi un provvedimento urgente che eviti di arrivare alla riforma con la scomparsa di una parte rilevante del settore. Per questo chiediamo al Parlamento di ricostituire il Fondo, di introdurre, da subito, norme più rigide e trasparenti legate al numero di dipendenti, alla presenza in edicola e alle vendite,  nell’erogazione  delle risorse e di destinare i risparmi che si conseguiranno per finanziare l’innovazione digitale e la crescita della domanda di informazione”.

fonte: Legacoop