IL CIR LANCIA IL BANDO DI CORTOMETRAGGI SUL DIRITTO D’ASILO

Inserito il agosto 16, 2014 at 15:27

Categorie: Bandi, News
Tags: , , , , ,

Il CIR ha presentato ieri il bando di concorso per la realizzazione di cortometraggi sul diritto d’asilo, con il contributo anche di SIAE che da sempre sostiene iniziative di solidarietà.

Il bando è rivolto a tutti coloro che intendono raccontare tramite il linguaggio cinematografico e il proprio originale punto di vista il mondo dei richiedenti asilo e dei rifugiati.

Il bando è aperto dal 26 giugno al 30 settembre 2014.

SCARICA QUI IL BANDO

SCARICA QUI LA LIBERATORIA

Entro il 10 ottobre, un congruo numero di cortometraggi tra i partecipanti (non più di 50) saranno pre-selezionati dalla segreteria tecnica del CIR. Una selezione di quelli pervenuti entro il 15 settembre potrà essere presentata alla giornata inaugurale del Premio Italia dedicata al tema dei rifugiati (25 settembre).

I tre corti vincitori del concorso otterranno rispettivamente un premio di 1.000/500/300 euro.

L’iniziativa è sostenuta da personalità del mondo della cultura che formeranno la giuria che sceglierà i tre corti vincitori tra i 15 finalisti del concorso e potranno presentare, fuori concorso, delle proprie opere sul tema del diritto d’asilo nelle forme più diverse (foto, scritto, breve sceneggiatura, cortometraggio girato in qualsiasi forma e altro).

Tra queste personalità, hanno già dato la propria disponibilità: Claudio Amendola, Rachid Benhadj, Giuseppe Catozzella, Elda Ferri, Roberto Faenza, Monica Guerritore, Francesca Neri, Wilma Labate, Gabriele Lavia, Mimma Nocelli, Carlo Puca Andrea Purgatori, Ivan Silvestrini, Walter Veltroni. Della giuria faranno parte anche Roberto Zaccaria e Christopher Hein (presidente e direttore del CIR). Della giuria verranno chiamati a far parte anche esponenti del mondo dei rifugiati, dei media e del mondo scolastico.

Il CIR si riserva di adottare i cortometraggi realizzati nell’ambito del concorso per le proprie campagne di comunicazione sociale e di raccolta fondi.

L’iniziativa ha avuto anche il supporto di Mediteterranean Hope.