REGIONE LAZIO – Assessorato Lavoro e Formazione Bando “PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITA’ NEL LAVORO 2010”

Inserito il ottobre 22, 2010 at 10:14

Categorie: Bandi

La Regione Lazio intende assumere come priorità regionale lo sviluppo di una maggiore e migliore partecipazione femminile al mercato del lavoro, ed in particolare all’imprenditoria delle donne, in modo da implementare le politiche a favore della parità tra i generi, che favoriscono l’occupazione e la crescita economica, attraverso la promozione e realizzazione di interventi in grado di ridurre le disparità tuttora esistenti tra donne e uomini, puntando sull’utilizzo delle competenze e delle potenzialità produttive delle donne.


Obiettivi generali:

 Rafforzare l’imprenditorialità femminile già esistente nel territorio regionale.

 Incrementare l’occupazione femminile e promuovere la stabilizzazione dei rapporti di lavoro precari delle donne, nei termini di seguito specificati.

 Promuovere la realizzazione di progetti imprenditoriali di sviluppo e la diffusione dei servizi per la conciliazione tra vita lavorativa e personale.

Soggetti proponenti:

le PMI costituite da almeno tre anni dalla data del 21/09/2010 con sede operativa nella Regione Lazio, inoltre la compagine sociale deve essere a prevalente partecipazione femminile come di seguito indicato:

associazioni, costituite con atto pubblico e riconosciute come persona giuridica, con almeno il 60% di capitale versato da soci donna e con il 60% di amministratori donna.

- Società di persone e cooperative con almeno il 60% di donne nella compagine sociale.

- Società di capitale con almeno il 60% di quote di capitale detenute da donne e con almeno il 60% di donne nell’organo di amministrazione.

Non è ammessa la partecipazione di soggetti che si trovano in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo, o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tale situazioni.


Iniziative ammissibili:

Sono ammissibili le iniziative che consistano in programmi d’investimento diretti all’innovazione e/o allo sviluppo delle attività d’impresa, e/o siano relativi a servizi di conciliazione, quali ad esempio:

- Progetti di innovazione tecnologica, organizzativa o strategica.

- Progetti di espansione territoriale o di internazionalizzazione.

- Progetti di diversificazione produttiva o di integrazione dei servizi esistenti.

- Progetti relativi a servizi per l’infanzia e per gli anziani.

- Progetti relativi a servizi per la conciliazione tra vita lavorativa e personale.

Le iniziative devono inoltre comportare effetti positivi sull’occupazione femminile, in termini di creazione di nuova occupazione o di stabilizzazione di rapporti già esistenti. A pena di esclusione ogni soggetto proponente può presentare domanda per un solo progetto.

Settori ammissibili:

Sono agevolabili i progetti presentati da imprese anche artigiane operanti nei settori dell’industria,

commercio, servizi e turismo. Viene data priorità ai settori ed attività rientranti nelle seguenti categorie

Ateco 07: Commercio all’ingrosso e al dettaglio, escluso autoveicoli e motocicli – G 46 e 47;

Attività di servizi di alloggio e ristorazione – I 55 e 56; Produzione di software, consulenza informativa e attività connesse – J 62; Attività di ricerca e sviluppo – K 72; Altre attività professionali e tecniche – K 74; Attività dei servizi delle agenzia di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse – N 79; Istruzione – P 85; Servizi di assistenza sociale residenziale e non – Q 87 e 88; Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (attività creative, artistiche e di intrattenimento / attività sportive, di intrattenimento e di divertimento) – R 90 e 93; Altre attività di servizi per la persona – S 96.


Entità dell’agevolazione e modalità di erogazione:

Il contributo concesso rientra nella disciplina del de minimis, tale contributo non è cumulabile con

altre agevolazioni pubbliche concesse per le medesime finalità.

Il contributo massimo concedibile per ciascun progetto è pari a € 50.000,00 al netto dell’IVA.

Il contributo sarà erogato in tre quote:

Prima quota (40% del contributo complessivo concesso). La sua erogazione può avvenire:

1) a titolo di anticipo, qualora il beneficiario lo richieda dietro presentazione di una fideiussione assicurativa/bancaria,

2) a stato di avanzamento, sempre su richiesta del beneficiario, dietro presentazione della documentazione contabile che attesti che il beneficiario ha realizzato una quota di investi menti pari ad almeno il 40% di quelli ammessi a contributo.

Seconda quota (30% del contributo), dopo che il beneficiario ha realizzato una quota di investimenti pari ad almeno il 70% di quelli ammessi a contributo,

Ultima quota (a saldo), erogata a conclusione del piano degli investimenti ammessi a contributo


Spese ammissibili:

Sono ammissibili tutte le spese relative all’acquisto di beni, nuovi e usati, e servizi, al netto dell’IVA, pertinenti il progetto, sostenute successivamente alla data di firma dell’atto di concessione:

  • attrezzature, macchinari ed utensileria;
  • arredi e macchine per ufficio;
  • software specifici;
  • impianti specifici;
  • ristrutturazioni entro il limite del 10% del totale del contributo concesso;
  • consulenze tecniche e specifiche relativamente al programma d’investimento ed alle fasi di sviluppo del progetto;
  • spese di viaggio e di rappresentanza per progetti di internazionalizzazione compresi la partecipazione ad eventi e manifestazioni all’estero;
  • spese di promozione compreso il lancio del progetto e l’open day;
  • spese di traduzione del materiale promozionale spese di attivazione del sito web;
  • spese di attivazione della fidejussione assicurativa/bancaria.

Il contributo sulle spese previste nei punti su indicati da 6) a 10) non potrà superare complessivamente il 20% dell’importo richiesto.

Non sono ammissibili le spese sostenute per acquisto e locazione di terreni e di immobili, costruzione ex novo di immobili, di gestione corrente; salari, stipendi, rimborsi a soci prestatori d’opera, imposte, oneri contributivi, acquisto di automezzi non dedicati all’attività e acquisto di beni per uso personale.

Termine di ricezione delle domande di partecipazione: 04/11/2010 alle ore 12.

Avviso

BANDO

FAQ