SILENZIOSAMENTE: imprese e lavoratori insieme per chiedere sostegni concreti al mondo produttivo e non dover più assistere ai suicidi per il lavoro

Inserito il aprile 16, 2012 at 09:11

Categorie: In evidenza

COMUNICATO STAMPA

IMPRESE E LAVORATORI MANIFESTANO INSIEME PER CHIEDERE SOSTEGNI CONCRETI AL MONDO PRODUTTIVO E NON DOVER PIU’ASSISTERE AI SUICIDI PER IL LAVORO

Roma, 13 aprile 2012

Mercoledì 18 aprile, alle ore 20:00, imprese e lavoratori, riuniti insieme per la prima volta su questo territorio, si ritroveranno al Pantheon in un’iniziativa congiunta denominata “SilenziosaMENTE”, per denunciare il grave stato di crisi delle Pmi e del mondo del lavoro, per chiedere il rilancio dell’economia e dell’occupazione e per ricordare gli imprenditori e i lavoratori che si sono tolti la vita a causa della crisi economica.

La manifestazione, che prenderà la forma di una fiaccolata silenziosa su Piazza della Rotonda, intende richiamare l’attenzione dei cittadini, delle istituzioni e dell’opinione pubblica in generale sul dramma di chi, come hanno segnalato le cronache in quest’ultimo anno, schiacciato dal peso di non poter onorare i propri impegni con banche e fornitori, o dalla preoccupazione per aver perduto il posto di lavoro, ha scelto di togliersi la vita.

Tra le principali matrici di questo stato di cose possono essere annoverati:

a)    i termini di pagamento nelle transazioni commerciali con la P.A. e tra privati, i quali, già lunghi in passato, si sono allungati a dismisura con l’avvento della crisi, con l’effetto di gravare in modo oramai non più sostenibile in modo particolare sulle Pmi, strutturalmente e finanziariamente più deboli;

b)    il credit crunch, che si manifesta sotto forma di razionamento del credito, innalzamento del suo costo e richiesta di garanzie più pesanti.

Di fronte a questa situazione, imprese e lavoratori lanciano alcune proposte:

1)     impegnare gli Enti locali in una sorta di “patto d’onore” nei confronti dei fornitori per garantire pagamenti regolari da qui in avanti e una più celere chiusura dei debiti pregressi;

2)    introdurre forme di compensazione tra crediti vantati dalle imprese nei confronti della P.A. e debiti di natura tributaria e contributiva a carico delle prime;

3)    ottimizzare e razionalizzare la filiera del credito ed evitare sovrapposizioni tra i diversi soggetti che intervengono nella intermediazione tra banche e imprese;

4)    valorizzare il sistema dei Confidi mediante il rafforzamento del loro patrimonio;

5)    favorire il venture capital nelle imprese di più piccola dimensione per ricapitalizzarle e renderle meno fragili nei confronti dei competitors.

Su questi temi è stato stilato un documento comune che sarà consegnato ai massimi vertici delle istituzioni nazionali e locali.

ACAI LAZIO, AGCI LAZIO, C.L.A.A.I., CASARTIGIANI LAZIO, CGIL ROMA E LAZIO, CISL LAZIO, CNA LAZIO, COLDIRETTI LAZIO, COMPAGNIA DELLE OPERE ROMA E LAZIO, CONFAGRICOLTURA LAZIO, CONFARTIGIANATO ROMA, CONFCOMMERCIO ROMA, CONFCOOPERATIVE LAZIO, CONFESERCENTI ROMA, CONFSERVIZI LAZIO, FEDERLAZIO, LEGACOOP LAZIO, UGL LAZIO, UIL ROMA E LAZIO, UNINDUSTRIA.

Scarica il volantino.

RASSEGNA STAMPA ONLINE